C'è una stretta sugli influencer che sono obbligati ad usare #ads sui loro post che pubblicizzano un prodotto, a quanto pare non basta e alcune agenzie federali se ne stanno occupando.

Ci sono 11,5 milioni di post contrassegnati come #ads su Instagram. Presto, l’agenzia governativa responsabile della regolamentazione della pubblicità deciderà se solo quell’hashtag e il suo genere sono sufficienti per informare i follower che ciò che stanno guardando è un contenuto sponsorizzato.

Venerdì, la Federal Trade Commission (FTC) sta pubblicando una richiesta dell’opinione pubblica sulle sue “Endorsement Guides” o sulle regole che regolano il modo in cui gli annunci pubblicitari che utilizzano sponsorizzazioni e testimonianze personali devono chiarire ai consumatori che si tratta di annunci pubblicitari. Questo tipo di annunci include post di influencer, ma comprende anche molto di più, come inserzioni di riviste o commenti e recensioni su siti come Yelp per i quali qualcuno ha pagato.

La FTC non è l’unica agenzia federale che guarda agli annunci deli influencer. La Food and Drug Administration (FDA) ha anche annunciato giovedì che inizierà a studiare in che modo le divulgazioni di hashtag nelle pubblicità degli influencer per i prodotti farmaceutici influenzano la percezione di un farmaco da parte del consumatore, rispetto a un annuncio pubblicitario di testimonial più tradizionale.

Sebbene entrambi i passaggi siano preliminari, potrebbero portare a un cambiamento nel modo in cui la pubblicità di approvazione appare online.

“Non so come sarà pubblicare, ma non sarà come adesso”, ha detto a Mashable Christopher Terry, un assistente professore di diritto dei media all’Università del Minnesota.

Tuttavia, è possibile che è un discorso del tipo si fa tutto tutto e non si fa nulla. FTC afferma che sta cercando commenti sulle regole, perché rivede regolarmente le linee guida ogni 10 anni. L’ultima volta è stato nel 2009.

“Non è un processo rapido, ma ad un certo punto annunceremo che stiamo proponendo alcune modifiche alle guide, o che non lo faremo”, ha detto a Mashable Michael Ostheimer, un avvocato nelle pratiche pubblicitarie della FTC.

La FTC affina due grandi problemi quando si tratta di pubblicità testimoniale: “divulgazione” e “fondatezza”. La divulgazione è il modo in cui un inserzionista rende chiaro a un lettore che ciò che sta leggendo è stato sponsorizzato. Molte delle domande sono incentrate sul fatto che le informazioni “possano essere comprese” dai consumatori.

La sostanzialità è più complicata. Significa sostanzialmente che tutto ciò che un inserzionista dice in una testimonianza deve essere vero e che le sue affermazioni dovrebbero riflettere un risultato ragionevole per la maggior parte delle persone. Ad esempio, se un influencer sta promuovendo un tè dietetico e dicendo in che modo li ha aiutati a perdere 5 chili, devono effettivamente aver usato il prodotto e perso peso – e la maggior parte delle persone dovrebbe essere in grado di ottenere risultati simili.

Questo concetto è particolarmente spinoso, dal momento che tanta pubblicità nello spazio dell’influencer è in primo luogo per prodotti abbozzati; gli integratori non devono nemmeno aver dimostrato che i loro prodotti fanno quello che dicono che faranno. Gli influenzatori possono mettersi nei guai anche se i loro post hanno un hashtag “#ad” su di essi se fanno affermazioni su un prodotto che non hanno usato, o se i loro risultati sono atipici o non provati.

“Ora la FTC chiede se debba essere un disclaimer più informato su questo”, ha detto Terry. “Penso che la risposta a cui arriveranno è sì.”

L’FTC avrà un periodo di commento aperto per 60 giorni. Quindi esaminerà i commenti e pubblicherà le linee guida proposte, che potrebbe aprire ad un altro periodo di commenti. Non è chiaro quanto tempo richiederà questo processo.

Una cosa che Ostheimer ha affermato che FTC sta cercando in particolare sono i dati che potrebbero fornire risposte concrete alle sue domande come “Quali rivelazioni sulla connessione materiale attualmente in uso nei social media probabilmente non sono comprese dai consumatori?” È qui che potrebbero entrare studi come la futura iniziativa della FDA sui farmaci da prescrizione.

Sfortunatamente, questo dovrà essere incorporato nella recensione del prossimo decennio. E chi sa che aspetto avrà il mondo della pubblicità sui social media?

tradotto da mashable.com